ARPA Calabria - Piano di Miglioramento

Lo stato dell’arte all’inizio del percorso
L’Agenzia ArpaCal ha aderito al Progetto PerformancePA nel luglio 2013.
L’analisi ricognitiva, effettuata all’avvio del progetto, ha fatto emergere sicuramente alcuni aspetti positivi ed altri meno qualificanti per i quali si è reso necessario un intervento riformatore.
Dal 2009, l’Agenzia è dotata di un Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance (SMVP) basato sulla raccolta dei risultati annuali delle strutture organizzative attraverso l’utilizzo di schede utilizzate per il benchmarking delle ARPA e su schede di valutazione individuale, che permettono la valutazione dei dirigenti e del comparto considerando gli aspetti dei risultati e dei comportamenti, senza però una precisa correlazione con la performance organizzativa di ente e individuale. Nel periodo tra dicembre 2010 ed inizio 2011, con il recepimento delle Linee Guida della Performance per le ARPA e con la stesura di un regolamento per il SMVP, l’Agenzia ha avviato un percorso riformatore teso all’implementazione del ciclo di gestione della performance. Nel primo semestre 2012 è stato nominato l’OIV e, nel secondo semestre del 2013, è stato avviato il percorso di affiancamento nell’ambito del Progetto PerformancePA.
 
Obiettivi e azioni del piano di miglioramento 
Il piano di miglioramento intrapreso può essere sinteticamente suddiviso in tre macro fasi:
 1. Ricognizione della situazione di partenza e dei risultati attesi, a seguito dell’intervento di miglioramento, processo rappresentato nel diagramma radar, quale strumento gestionale e di supporto al progetto.
2. Realizzazione di azioni operative volte al miglioramento complessivo degli strumenti necessari per la realizzazione corretta del ciclo di gestione della performance.
3. Diffusione e condivisione del sistema di misurazione della performance rivolta a tutti gli stakeholder interni ed esterni dell’agenzia.
Il diagramma radar definito, dunque, all’avvio delle attività mostra un percorso di miglioramento articolato su tutte le cinque dimensioni considerate. In dettaglio, il progresso maggiore è stato ipotizzato nelle dimensioni:
- cultura, gestione della performance e trasparenza;
- completezza/qualità del SMiVaP (performance organizzativa);
- completezza/qualità del SMiVaP (performance individuale);
Nell’ambito delle azioni di miglioramento sono stati, inoltre, fissati alcuni significativi obiettivi ed i relativi risultati attesi:
- l’implementazione del Regolamento per la misurazione e valutazione della performance;
- l’incidenza della Perfomance generale di ente sulle performance individuali dei dirigenti e del personale del comparto;
- la previsione e l’applicazione di soglie premiali ben definite;
- la diffusione della cultura della valutazione e della misurazione
Le difficoltà riscontrate sono state molteplici, sebbene si sia registrata una grande partecipazione da parte del management aziendale volta al cambiamento; alcune di esse sono state:
 - un’inadeguatezza, in alcuni casi, della correlazione fra obiettivi operativi e strategici;
- la difficoltà di definire gli outcome per realizzare la mission e dare risposte leggibili agli stakeholder interni ed esterni;
- la differenziazione della misurazione e valutazione, che porta a range di valori più ampi;
- l'assenza di sistemi informativi per il controllo di gestione.
 
Risultati
L’Agenzia ha approvato il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance, recependo alcune modalità operative fornite nel percorso di affiancamento ed il Piano della Performance 2014 – 2016 nel mese di Luglio del 2014. Sono stati adottati strumenti operativi per la valutazione della performance individuale comuni a tutti i livelli di valutazione; e i fattori valutativi previsi dall’art. 9 del D. Lgs 150/09 sono stati ripresi nel modello adottato per la dirigenza e per il comparto.
Il nuovo approccio al metodo di ricezione delle direttive di mandato da parte degli organi politici regionali, per riempire di contenuto i macro ambiti strategici, definire l’outcome,  ricostruire il cascading degli obiettivi strategici attraverso l’aggiornamento delle Linee Programmatiche di Mandato e l’individuazione delle Aree  strategiche, è stata l’attività più complessa che ha contraddistinto la redazione del Piano della Performance 2014-2016.
Nel primo semestre del 2014 l’attività di affiancamento ha interessato la struttura tecnica ed il management aziendale per la stesura delle modalità operative da inserire nel Piano della Performance. Nella seconda parte dell’anno l’attività si è focalizzata sulla diffusione della metodologia, connessa alla misurazione ed alla valutazione, attraverso diversi seminari e laboratori che hanno interessato tutti i compartimenti provinciali dell’Agenzia.
 
Responsabile
Suraci  Francesco
Telefono: 0965 372618
e-mail: f.suraci@arpacal.it
Ruolo: Dirigente

Contatti
Referente: 
Federico Antonella
email: 
a.federico@arpacal.it
Ente: 
ARPA Calabria
Telefono: 
0961732519-16
Regione: 
Calabria
Argomento: 
AllegatoDimensione
Progetto di Miglioramento3.31 MB
Diagramma Radar64.5 KB